Valtournenche - Valtournanche - Provincia di Aosta
Piste di fondo di
VALTOURNENCHE
CHAMPLèVE
 
torna a .....

HOME PAGE ALPI OCCIDENTALI
IN PISTA PRESENTAZIONE
QUADRO GENERALE AOSTA

Il pianoro di Champlève, piccola frazione sulla strada che da Valtournenche sale a Cheneil:
la conca è dominata dai contrafforti del versante occidentale della Becca d'Aran.

GALLERIA FOTOGRAFICA clic  la Dent d'Herens vista dalle piste 
clic il Pancherot visto dalla parte alta della pista
LA LOCALITA'

Quota centro abitato:
Località Champlève, 1841 m.
(Chanlève su alcune carte).

Accesso stradale: 
da Valtournanche capoluogo si sale lungo la carrozzabile per Cheneil. Poco prima della frazione Champlève, a sinistra della carrozzabile, in prossimità di un bar, ha inizio la pista di fondo.

Servizi e informazioni:
Ente Provinciale Turismo di Aosta (0165-236627)
Azienda di Informazione e Accoglienza Turistica Monte Cervino,
Valtournenche (0166-92300).

a Valtounenche
è presente anche un centro fondo a Maen

DATI GENERALI
Numero piste battute:
1
Chilometri totali: 3 km e 800 m. 
Servizi presso il centro di fondo:
bar, tavola calda e servizi igienici.
Prezzo:
a pagamento

DESCRIZIONE DELLE PISTE
La pista è unica ma può essere divisa in tre parti
(gli anelli sono di fatto parte di una stessa pista, che può essere percorsa parzialmente superando distanze e difficoltà diverse)
Anello per principianti 
km 1 circa; difficoltà: facile
Anello medio - 
km. 3,5 circa; difficoltà: media
(a sua volta percorribile solo in parte, circa 2,5 km)
 tra il punto più basso e quello più alto ci sono 30 metri di dislivello, ai quali si devono aggiungere le perdite di quota presenti lungo l'intero tracciato
Parte alta della pista -
km 0,3 circa - è una variante collocata nella parte più alta della pista, con una salita ed una discesa più impegnative; difficoltà: medio-alta.

L'AMBIENTE
La pista del centro fondo di Champlève si sviluppa su un terrazzo adagiato sul versante idrografico sinistro della Valtournenche (o Valtournanche), lungo la carrozzabile che sale dal capoluogo verso la frazione Cheneil.
Il paesaggio è dominato chiuso ad oriente dai contrafforti rocciosi della Becca d'Aran mentre è assai aperto nelle altre direzioni, conferendo al panorama ampio respiro.
In particolare verso occidente si gode ampia vista della catena montuosa che separa il solco vallivo che sale a Cervinia dalla valle di Saint Barthelemy e dalla Valpelline: si notano in particolare la Becca Salè, il Pancherot (separati dalla conca del lago di Cignana) e naturalmente le Grandes Murailles, che terminano nei quattromila metri della Dent d'Herens.
Il tracciato si sviluppa tra soleggiati campi di neve movimentati dalla presenza di radi larici e di gruppi di latifoglie.

Un tracciato con tre livelli di difficoltà
Il tracciato, lungo complessivamente 3 chilometri e 800 metri, di difficoltà media, si divide di fatto in tre parti: un anello per principianti (circa 1 km), un anello medio che include il precedente (circa 3,5 km totali), una variante aggiuntiva più in quota (0,3 km circa, di difficoltà medio-alta).
L' anello per principianti si sviluppa nella parte più pianeggiante del tracciato  e disegna varie S attraversando soleggiati campi di neve: non presenta alcuna difficoltà.
Dall'anello per principianti si stacca una seconda parte di pista (
anello medio ), che scende e risale più volte alcune ondulazioni poste alla base della Becca d'Aran fino a toccare un punto all'inizio di un pendio più ripido, 25-30 metri più in quota rispetto alla partenza delle piste; da tale punto si può ritornare alla base, affrontando altre discese di difficoltà medio-bassa) o seguire la deviazione sulla destra ( parte alta della pista ), breve tratto (circa 300 metri) che risale ancora di una quindicina di metri con percorso più impegnativo sia in salita che in discesa.
L'anello medio può essere percorso solo in parte, evitando la parte più a sud del tracciato, che passa presso alcune case in pietra e che consente l'accesso alla variante alta (spesso non battuta), riducendo la lunghezza della pista a circa 2,5 km.
 

Claudio Trova