Monte TOBBIO 

( 1092 m.)

Val  Lemme
AL

 

La chiesetta-rifugio sulla vetta del Tobbio

 

DISLIVELLO: 760 m. circa da Voltaggio.

ESPOSIZIONE: Nord-Est fino al passo, poi Sud.

DIFFICOLTA': E

VAI Mappa dell' Itinerario

Da inserire   VAI

 

BREVE DESCRIZIONE
Dalla pianura alessandrina, nelle giornate limpide dopo le perturbazioni primaverili o autunnali, dopo i temporali estivi o nelle giornate invernali eccezionalmente fredde, si possono osservare numerose vette dell'arco alpino: il Monte Rosa ed il Cervino spiccano verso settentrione mentre, spostandosi più a ovest, appaiono via via il Gran Paradiso, il Rocciamelone, il Monviso ed infine le vette delle Alpi Marittime, tra cui si stacca evidente il Monte Matto.
Verso Sud il panorama è invece dominato dalle forme dolci della catena dell'Appennino, dove tuttavia risalta un monte che appare insolitamente aspro, con caratteristiche quasi alpine nonostante la sua modesta elevazione: si tratta del Monte Tobbio, cuore del Parco Naturale Regionale delle Capanne di Marcarolo; questo territorio protetto è estremamente interessante sia per la sua vegetazione, che risente fortemente dell'influsso del Mediterraneo, sia per le caratteristiche delle rocce che rendono il paesaggio spesso assai dirupato, con caratteristiche molto diverse da quell'Appennino Ligure assai familiare a chi dalla pianura piemontese e lombarda affronta "avventurosi" viaggi domenicali verso il mare.
Il Tobbio è facilmente individuabile anche perchè isolato e sormontato da una chiesetta, spesso ben visibile anche da Alessandria; dalla sua cima il panorama ripaga assolutamente della fatica spesa, consentendo di ammirare sia il Mar Ligure, con le navi in rada in attesa di attraccare a Genova, che le colline del Monferrato e, a seconda della limpidezza dell'aria, anche vaste porzioni dell'arco alpino: in giornate eccezionali lo sguardo non ha difficoltà ad arrivare fino alle cime del Trentino!
Accanto alla chiesetta è presente anche un rifugio molto spartano, utile per situazioni di emergenza; si noti che la vetta può essere raggiunta anche dal Valico degli Eremiti, percorrendo meno dislivello su di un comodo sentiero che si snoda sul versante Nord, o dalla regione guado per il versante Sud: è stato nel seguito descritto il percorso da Voltaggio, che attraversa un paesaggio più vario, anche se il prezzo da pagare è un supplemento di circa 200 m. di dislivello. 

Lasciata l'auto nell'abitato di Voltaggio in Piazza De Ferrari (omonima della celebre piazza genovese, a testimonianza della notevole influenza ligure presente in questa zona), si imbocca uno stretto viottolo, perpendicolare alla strada maestra che attraversa il paese, che sale in direzione Sud; la stradina (asfaltata) disegna una curva a gomito verso sinistra con direzione obbligata e dopo alcuni metri si divide in due altre piccole carrozzabili: si imbocca quella di destra e dopo un breve percorso, in prossimità di una seconda curva a gomito verso sinistra, dove tra l'altro inizia lo sterrato, si abbandona la strada continuando verso Sud su di un sentiero poco evidente (talvolta è presente una freccia con la scritta Monte Tobbio).
Questo è inizialmente percorribile a fatica, specialmente in estate, a causa della vegetazione rigogliosa: tuttavia, dopo alcuni minuti di cammino, si raggiunge una bellissima mulattiera che, inoltrandosi in un fresco bosco di castagni, consente di salire agevolmente.
Dopo 20-30 minuti di marcia, ci si imbatte in un primo bivio, giunti al quale si imbocca senza indugio la via di destra; percorso un breve tratto pianeggiante, si arriva ad una seconda deviazione dove occorre invece imboccare il percorso di sinistra. Si riprende quindi a salire, sempre nel bosco di castagni, fino ad uscire su di un ampio crestone da dove, circondati da una vegetazione assai caratteristica chiaramente influenzata dalla vicinanza del Mediterraneo, tra piccoli pini e spuntoni di roccia, ginestre ed elicrisio, appare finalmente la vetta del Tobbio, ancora abbastanza lontana.
L'itinerario continua su evidentissimo sentiero, sentiero che seguendo l'ampia cresta incontra in più punti altri tracciati provenienti dal vallone sottostante (posto alla destra di chi sale); il tracciato interseca quindi un'ampia mulattiera, che proviene dal Valico degli Eremiti, mulattiera piuttosto disagevole per l'abbondanza di ciotoli, seguendo la quale si raggiunge prima il Passo della Dagliola e poi, risalendo il versante Sud del Tobbio, la chiesetta posta sulla cima.


Claudio Trova & Giuliano Tomasetti

torna a IN VETTA !